Blog

Dialogo uomo-donna: si può fare (di più e meglio)

in counseling 25 ottobre 2017

Dialogo_uomini e donne

Premessa importante: questo NON è un post sul femminismo né sul patriarcato.

Nonostante le notizie dei mass media puntino ad enfatizzare una crescente contrapposizione fra i sessi (dalle dichiarazioni del “presidente” degli Stati Uniti in giù), voglio ostinatamente muovermi in direzione contraria, e testimoniare che invece un dialogo fra le due metà del cielo non solo è fattibile, ma anche molto APPREZZATO.

A patto di seguire alcune semplici regole.
So che nell’elenco che segue il rischio di generalizzare è alto: prendete quello che sentite che vi corrisponde, e scartate il resto 🙂

TEMPO: quando e quanto
Noi donne spesso abbiamo bisogno di molte parole perché ci sembra di spiegarci meglio, gli uomini invece preferiscono frasi concise e semplici; risultato: noi parliamo per 20 minuti, e loro annuiscono distrattamente perché si sono persi dopo i primi 5.
Due/tre domande chiare, possibilmente aperte, idealmente non appena varcata la soglia di casa la sera, permetteranno a entrambi di riconnettervi dopo una giornata di lavoro e di creare i presupposti per interazioni successive.

ASCOLTO ATTIVO: ascolta per capire, non per rispondere
Questa è una regola che vale in generale, ma ancora di più nella coppia: se fai una domanda, predisponiti ad ascoltare la risposta.
L’implicazione di questo principio è che si dovrebbero fare meno domande “tanto per”, chiedendo quindi cose che realmente ci interessa ascoltare.
Cosa vuoi sapere della giornata del tuo partner? Su quale argomento ti interessa la sua opinione?
Uomini attenzione: non sempre ci serve una soluzione alle questioni di cui vi parliamo, a volte ci basta esprimerle per chiarircele da sole. Se siete nel dubbio che vi stiamo chiedendo aiuto…verificate!

NO AI SOTTINTESI: non dare niente per scontato
Capita, soprattutto nelle relazioni di lungo periodo, di cadere nella trappola del “tanto so già cosa risponderà/farà/ne pensa…”
Siamo esseri in evoluzione costante, e la coppia dovrebbe proprio essere il terreno di base che ci consente di cambiare, auspicabilmente in meglio 🙂
Lasciamoci sorprendere da come l’altro potrebbe reagire ad una richiesta insolita, o proviamo a rispolverare un argomento spinoso, abbandonato da un po’ per evitare discussioni, e vediamo se si riesce a trovare un nuovo punto di incontro.

OCCHIO AI RUOLI: è una conversazione fra adulti…vero? 😉
A volte nella coppia si instaurano dinamiche un po’ distorte, soprattutto se ci sono elementi caratteriali o dati dalla professione a sostenerle.
Ecco quindi che troviamo un partner nel ruolo del “bambino richiedente” quando si tratta di questioni economiche, che poi si trasforma in un “despota” nell’organizzazione della casa e del tempo libero.
Come ho accennato nel post sul “condominio emotivo” (leggi qui http://wp.me/p76nVs-9J), è importante che il dialogo avvenga dalla condizione di massima centratura possibile, in cui si esprimono bisogni, richieste, opinioni ecc. con l’intenzione di raggiungere un maggiore benessere, personale E della coppia.

Cosa ne pensate? Quali sono le difficoltà maggiori che riscontrate nel dialogo con l’altro?
Scrivetelo nei commenti!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *